x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Porsche 911 (992): tutto quel che sappiamo

23 February 2018
a cura della redazione
  • Salva
  • Condividi
  • 1/24
    Sempre molto conservativa nel design, sarà però più tecnologica, efficace e, prima o poi, ibrida.

    Veniamo subito al sodo: sì, la futura Porsche 911 potrebbe, in parte, essere elettrica. Ibrida. Porsche non lo ha mai nascosto, a partire dal fatto che quei formosi fianconi dei muletti della "992" non sono lì solo per estetica e per una maggiore abitabilità, ma anche perché il nuovo telaio è stato progettato per ospitare anche delle batterie.

    Evoluzione, non rivoluzione. Come sempre.

    Porsche 911 (992): tutto quel che sappiamo

    La mente responsabile – e che responsabilità – del progetto è quella di August Achleitner. Intervistato da evo, è stato molto chiaro: l'elettrificazione e tutte le tecnologie di cui sarà dotata la nuova 911 non influiranno sul carattere e sul feeling."Ad ogni innovazione, il fattore decisivo è se vada o meno a discapito del carattere della 911" racconta. Una 911 autonoma? Figuriamoci: "Una 911 avrà sempre un volante". E stiamo anche a parlarne?

    Ma come evolverà il design rispetto alla 991? Come da tradizione, non sarà una rivoluzione; anche Achleitner, come tutti, desidera che la 911 conservi la sua linea senza tempo e ritiene che proprio restando alla larga dalle rivoluzioni sia possibile farlo: "Perfino quando il pubblico si aspetta un "fattore wow", sul lungo termine paga sempre restare conservativi".

    Porsche 911 (992): tutto quel che sappiamo

    I muletti in circolazione ormai da mesi sulle strade di tutto il mondo cominciano pian piano a svelare i loro segreti, per non parlare di un paio di scatti "rubati" di un esemplare di colore giallo (vedi sotto); quella lunga barra luminosa posteriore che va da un faro all'altro sa di 993, un po' come all'anteriore, con il nuovo cofano squadrato.

    Potrebbero poi arrivare anche ruote di dimensioni diverse, perché il prototipo in foto sembra montare ruote da 20" e 21". Pare che Porsche sia intervenuta parecchio sull'aerodinamica, con uno spoiler posteriore funzionale e – si vocifera – uno splitter attivo.

    E' certo che la nuova 992 sarà un po' più leggera grazie al maggiore uso di acciaio ad alta resistenza e alluminio. Ma niente carbonio se non per GT2 e GT3. Ci sarà poi un leggero incremento nel passo e le carreggiate, come detto, saranno decisamente più larghe. I motori non saranno molto diversi da quelli che conosciamo (e saranno tutti Turbo, GT3 compresa), così come saranno disponibili sia il cambio automatico che quello manuale (ma il PDK ad otto rapporti della Panamera non è detto che ci sia). Le versioni integrali, poi, saranno più efficienti grazie ad un nuovo software.

    Porsche 911 (992): tutto quel che sappiamo

    Gli scatti al volo degli interni dei muletti lasciano intravedere una console centrale stile Panamera, con relativamente pochi interruttori; il selettore del PDK perde la sua "palla". Soprattutto, cambia l'aspetto del cruscotto, con due schermi che sostituiscono gli strumenti ai lati, ma, almeno apparentemente, il contagiri rimarrà analogico. Cambia leggermente anche il design del volante.

    Il Gruppo VW continua nel processo di condivisione di tecnologie e design fra i suoi marchi, ma la Porsche 911 è sempre quella meno coinvolta da questo punto di vista. Anche considerata la dedizione del marchio verso il cambio manuale e l'aspirato, la 911 sembra godere di un trattamento speciale. Almeno per ora. Va comunque detto che la piattaforma della 992 sarà la base dei futuri modelli Boxster e Cayman e potrebbe influenzare anche il design e l'ingegneria delle future Audi R8 e Lamborghini Huracàn.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta